Mauritius in caso di pioggia

Il tempo bello, si sa, è sempre auspicabile, specialmente quando si è in viaggio. Noi, a prescindere dalla durata del soggiorno, se cioè si tratti di un weekend o di una settimana, almeno un giorno di pioggia lo becchiamo sempre. È vero, in certi casi ce lo siamo proprio andati a cercare (la contea del Connemara, per esempio, durante il nostro viaggio in Irlanda, detiene il primato di ml di pioggia caduta in pochi giorni), in altri ci si è messa di mezzo una cosa chiamata iella (leggi New York ad agosto e un tifone che ci ha fatto compagnia per sei giorni su sette!), che però di solito non ci ferma affatto e organizzandosi per bene riusciamo a fare tutto quello che ci siamo prefissati… o quasi.

Il guaio è quando l’acquazzone capita in un posto di mare.. Se non esce il sole lì sì che le cose da fare possono davvero ridursi all’osso!

A noi è capitato a Mauritius, come vi abbiamo anticipato in un altro post dedicato a quest’isola meravigliosa. Siamo andati durante il loro inverno, il nostro mese di agosto quindi, e abbiamo beccato pioggia almeno una volta al giorno, spesso proprio in spiaggia, non appena sistemati in stile geco sui nostri teloni. Noi poi, contrari ai vari resort con tanto di animazione, abbiamo preferito alloggiare in un piccolo b/b  (non mi stancherò mai di parlarvi di questo posticino perché autentico e gestito da gente del posto davvero troppo carina), e abbiamo rischiato più volte di starcene chiusi nella nostra stanza in caso di cielo grigio, quando magari un esagitato in pareo che veniva a proporci un torneo di freccette poteva fare al caso nostro….(ma anche NO!).

Per evitarvi lo stesso nostro lambiccamento del cervello per ammazzare il tempo, una volta esaurita la scorta di coccole e mazzi di carte, eccovi questo piccolo vademecum su cosa fare a Mauritius in caso di pioggia.

Rhumeria di Chamarel

Ero scettica. Molto scettica. Diciamo che non mi andava per niente di andare a vedere questo posto perché a me i superalcolici neanche piacciono troppo. Inoltre, essendo incinta, già sapevo che non avrei potuto assaggiare nulla. Ma Valerio aveva trovato delle recensioni entusiaste su internet e così, con il temporale che minacciava dall’alto, siamo entrati. La fabbrica sembra un albergo cinque stelle tanto è bella e curata, in mezzo a fiori, piante tropicali, e si trova su in cima alle colline di Chamarel dove l’aria si fa addirittura freschina. Una volta pagato l’ingresso si ha diritto a una guida parlante inglese o francese, in base alle vostre preferenze, quindi si comincia un vero e proprio viaggio dei sensi quando, partendo dalla raccolta all’alba della canna da zucchero, come per magia, dopo vari passaggi dall’odore inebriante, si arriva al prodotto finito nel suo elegante colore ambrato. Seguirà una degustazione dei vari rhum, da quelli invecchiati 12 mesi agli altri aromatizzati (noi abbiamo comprato quello al caffé e alla vaniglia), con i mieli e i vari tipi di zucchero che troverete anche nel merchandising. Se volete all’interno della struttura c’è anche un ristorante famoso, l’Alchimiste, ma non ci abbiamo mangiato, quindi non sappiamo dirvi altro se non che bisogna prenotare con largo anticipo. Per qualsiasi informazione vi lasciamo il sito.DSC_0106DSC_0563DSC_0543DSC_0552

Il Giardino Botanico di Pamplemousse

Ok, è un’attrazione all’aperto, ma con un semplice ombrello o un più comodo impermeabile si gira benissimo anche con la pioggia. Pagando il biglietto all’ingresso potrete essere seguiti da una guida che vi illustrerà, in cambio di una mancia, le proprietà terapeutiche delle varie piante officinali. Noi abbiamo preferito fare una passeggiata tranquilla in mezzo al verde, davvero piacevole e rilassante. C’è anche una area dedicata agli animali come tartarughe, oche e papere.DSC_0343DSC_0331DSC_0323DSC_0405

La Maison Creole

Quasi al centro dell’isola c’è una piccola località chiamata Moka dove troverete questa antica abitazione che è considerata un capolavoro dell’architettura creola. Viene anche chiamata Eureka perché secondo la tradizione, quando il suo ultimo proprietario se la guadagnò ad un’asta, esclamò la celebre espressione di Archimede.

La casa è all’interno di un grande giardino, tra palmeti e roseti, e c’é anche una bella cascata nelle vicinanze compresa nel biglietto d’ingresso. Anche la dimora è interessante, tutta su un unico piano, con arredi e suppellettili del periodo colonialista perfettamente riprodotti. Il bar interno merita una sosta. I cocktail analcolici a base di frutta fresca sono eccezionali.DSC_0495DSC_0504

The Curious Corner

Non lontano dalla Rhumerie de Chamarel c’è questo “odditorium“dove, pagando il biglietto, potrete passare un’oretta allegra.

Dentro troverete giochi, stranezze e curiosità legate al mondo dell’illusionismo, passatempi di logica, inganni ottici.

C’è la Stanza di Ames e, pezzo forte della struttura, la Casa Capovolta, dove sarà possibile fare foto divertenti. A noi non è dispiaciuto, ma qualcuno lo potrebbe trovare un pochino sciocco, visto che molte delle cose proposte sono famose o comunque già viste su internet. Se siete con la vostra famiglia ve lo consigliamo: i bimbi si divertiranno un mondo!DSC_0578DSC_0591

Parco di La Vanille

Si trova a Sourillac e sì, è all’aperto, ma è lo stesso discorso già fatto per il giardino botanico: con un buon impermeabile si può tranquillamente visitare. Se vi piacciono gli animali questa tappa è quasi obbligatoria. Oltre al biglietto d’ingresso, con una spicciolata di rupie potrete tenere in mano un cucciolo di coccodrillo o dar da mangiare foglie fresche alle tartarughe giganti che la riserva ospita. E poi scimmie, pipistrelli frugivori, iguane e persino un cervo-mascotte che pascola indisturbato tra i turisti  per farsi fotografare con i bambini. Tutto molto bello. All’interno c’è un ristorante, Le Crocodile  Affamé, dove, se non ne potete più di curry e cucina indiana, potrete soddisfare la vostra voglia di cibo occidentale con un buon hamburger… volendo persino di carne di coccodrillo! Personale gentilissimo, un po’ come in tutta l’isola. Come diciamo sempre, è la gente la vera ricchezza di Mauritius.

DSC_0122 - CopiaDSC_0213

DSC_0214

DSC_0242

DSC_0198DSC_0207