#I Posti Che…

Uno dei principali motivi che ci ha spinti ad aprire questo blog è stato conoscere persone con la nostra stessa passione per i viaggi con le quali confrontarsi e condividere esperienze. Entrare a far parte di una “community” di viaggiatori, come dicono quelli molto social, perché in effetti noi di gente che viaggia ne conosciamo proprio poca e i pochi che lo fanno quasi esclusivamente per lavoro con a malapena il tempo di realizzare dove si trovano. È con questo spirito che adoriamo rispondere ai vari tag frutto di blogger dalle menti creative che ci piace seguire o scoprire tramite questo mezzo.

Questo tag nasce da Neogrigio, per esempio, un blog che non conoscevamo e che abbiamo scoperto grazie alla nomination di Agnese di I’ll be Right Back.

Brevemente vi spieghiamo le regole base, perché anche se dovremo taggare altri blogger (fa parte del gioco 😉 ) ci piacerebbe che la cosa fosse aperta a tutti :).

In breve:

  1. Riportare la foto del tag
  2. Citare l’ideatore del tag (Neogrigio)
  3. Ringraziare il blogger che ti ha nominato (grazie Agnese!)
  4. Nominare 10 amici, soprattutto chi ama viaggiare, e avvisarli
  5. Aggiungere tra i tag “i posti che tag”
  6. Inoltrare la risposta al creatore del tag

Direi che siamo pronti. Ecco le nostre risposte.

Il Posto…

  1. Che porti nel cuore.  

Quelli che ci vengono in mente sono i luoghi cari della nostra infanzia e giovinezza. Io, Alessia, ho avuto modo di sviscerarli in #ABitOfMeIsThere (ve l’ho già detto che mi piacciono da morire i tag, vero?), mentre per Valerio sono senza ombra dubbio tre città, Washington, Abu Dhabi e Boston, dove ha vissuto dai cinque ai tredici anni, sviluppando la sua curiosità nei confronti di tutto ciò che sia straniero.

IMG_8355

Veduta di Boston dal waterfront

2. Più divertente.

Las Vegas (baby!). Divertimento a palate a qualunque ora del giorno e della notte!! Ce la immaginavamo più squallida e invece, dopo una sola notte, non saremmo più voluti andare via.

 

IMG_4905

L’angolo New York, New York visto dall’Mgm

3. Più commovente.

Senza dubbio il Peace Memorial Park a Hiroshima (come vi abbiamo raccontato qui). Non si ha o non si vuole avere la percezione di quello che è realmente accaduto finché la verità non ti viene sbattuta nuda e cruda in faccia. E il Monumento a Sadako, circondato dai lavoretti scolastici e dalle gru in origami portati in dono  dagli altri bambini di tutto il mondo, è qualcosa che tocca nel profondo.

IMG_6238

Prima di entrare al museo

4. Più deludente.

Non ho avuto dubbi: Los Angeles. E chi si immaginava la Walk of Fame presa d’assalto da mendicanti e accattoni?  E io che la immaginavo lustra, scintillante, un luogo mitico quasi lontano dal tempo e lo spazio! Los Angeles sembra il frutto di un’esplosione, una megalopoli caotica e disordinata dove non tornerei manco morta.

IMG_5423

Veduta di Los Angeles dalla Mulholland Drive

Vale, invece, è rimasto delusissimo da Mannheim. Non che nutrisse grosse aspettative, ma tra una pausa e l’altra dal lavoro, non gli sarebbe dispiaciuto trovare qualcosa di decente da vedere nella cittadina tedesca. Per poi scoprire che di vagamente interessante non c’è proprio niente (e infatti non abbiamo neanche una foto da farvi vedere…)

5. Più sorprendente.

Ce ne sono parecchi. Ci vengono in mente Berlino, che non ci aspettavamo così interessante, Quebec City, un gioiellino medievale che sembra uscire direttamente da una fiaba, ma più di tutti diremmo il Maine. Posti come Bar Harbor, il Parco Nazionale dell’Acadia, York sono degli autentici tesori del New England. La loro atmosfera rilassata e i panorami struggenti alla Olive Kitteridge vi resteranno per sempre nel cuore per non uscirne più.

Berlino 163

Museo Ebraico di Berlino

pixler

Tramonto da qualche parte nel Maine

6. Più goloso.

Ci viene in mente un pranzo luculliano in una delle pizzerie più antiche di Napoli, la Di Matteo, a San Gregorio Armeno. Eravamo andati per vedere i famosi presepi e ci siamo fermati in questo localino pensando che tanto a Napoli per mangiare bene un posto vale l’altro. A parte la pizza fritta ripiena di prosciutto cotto e ricotta-che ve lo diciamo a fare? Una bontà unica!- ricordiamo con un po’ d’acquolina dei nidi di pasta che nascondevano un cuore di mozzarella filante… No vabbé, torneremmo a Napoli anche solo per un blitz culinario!

7. Che ci ha lasciato un ricordo particolare.

Tutti quei posti in cui abbiamo avuto la fortuna di stare a contatto con animali allo stato brado quindi diremmo senz’altro Yosemite, a tu per tu con gli orsi, Cape Cod, con la barca circondata da balene durante un fortunato whale watching,  Sharm el Sheik, facendo snorkeling in quell’acquario naturale che è il Mar Rosso, nella savana del Sudafrica, dove Valerio ha visto i Big Five.

8. Più romantico.

Peggy’s Cove, un piccolo villaggio di pescatori in Nuova Scozia, in Canada. Dopo ore di viaggio in macchina arriviamo al nostro motel e, fatta una doccia al volo, usciamo di nuovo per andare a cercare qualcosa da mangiare. E approdiamo qui, un po’ per caso, dove su una scogliera si erge uno dei fari più belli che abbiamo mai visto!  C’era solo il tramonto, il mare infuriato, il sibilo del forte vento e qualche impavida barca a vela a sfidare gli elementi.

IMG_8795

Il faro di Peggy’s Cove al tramonto… Non è romantico?

9. Dove vorresti tornare

Da nessuna parte. Il mondo è troppo grande e c’è ancora troppo da scoprire per perdere tempo a tornare in posti già visti, non credete? Se proprio ci trovassimo costretti a rispondere, però, diremmo Parigi. L’atmosfera sofisticata della Ville Lumière non ci stancherà mai.

1915202_1291738623117_3235400_n

Paris…<3

10. Dove mi piacerebbe andare.

Ok, mettetevi comodi… Islanda, Turchia, Argentina, Bolivia, Messico, Marocco, Australia, Paesi Scandinavi… In pratica parte dei nostri #TravelDreams più il resto del mondo..:)

Nominiamo tutti quelli che amano viaggiare con la voglia di partecipare a questo simpatico giochino.

Tra i blogger:

Con la Valigia Verde

Travel and Marvel

Scatti e Bagagli

Sara l’Esploratrice

One Two Frida

Senza Zucchero

Turisti per Sbaglio

RomExperience

Blueberry Stories

Trip and Notes