#mytravelrules: 5 regole d’oro in viaggio

Viaggiare è tra le attività più creative e democratiche che esistano. Salvo rari casi, non esiste un modo “giusto” di viaggiare.

C’è chi parte nel lusso e chi può permettersi solo ostelli, c’è chi viaggia in solitaria e chi rigorosamente in compagnia, chi adora spostarsi in auto e chi detesta guidare.

La parola chiave è “soggettività”.

Non esitono schemi, ed è proprio questo il bello, non ci sono regole.

O meglio sì, quelle che con gli anni e le esperienze abbiamo fatto nostre, per rendere il viaggio il più possibile personalizzato e, si spera, indimenticabile.

#mytravelrules è una simpatica e divertente iniziativa di Daniela di The Daz Box, per conoscerci meglio e per scoprire le abitudini degli altri viaggiatori. Ringrazio Giulia del blog Viaggiare con gli Occhiali per averci taggato.

Le regole sono semplicissime:

  • Elencate quelle che sono le vostre consuete abitudini di viaggio usando il tag #mytravelrules
  • Taggate altri blogger, quanti ne volete
  • Inserite, se vi piace, la grafica di Daniela citando il suo blog 😉

Ecco dunque le nostre 5 #travelrules:

Chi fa da sé…

Non potrei neanche immaginarlo un viaggio organizzato da una agenzia o comunque da terzi.

La pianificazione è un momento importantissimo per noi perché è da lì che parte il viaggio, quell’attimo in cui scegli la destinazione, compri la guida, la sfogli e la spulci. Quindi, prima regola, organizziamo noi.

Gli alloggi di solito sono alberghi semplici ma dignitosi, ma da quando c’è Sami con noi prenotiamo piccoli appartamenti con Airbnb.

These boots are made for walking

Non potremmo dire di aver visto una città senza averla girata da cima a fondo rigorosamente a piedi. Quando si può evitiamo tassativamente i mezzi pubblici per concederci piacevoli passeggiate all’aria aperta alla scoperta di quartieri, mercati (meglio se alimentari), stili architettonici, parchi e giardini. Musei sì, ma in giusta misura e solo quando il tempo è brutto.

No italian food please…

La pasta in viaggio, una delle  opzioni imprescindibili dei kid menù, stiamo cominciando a ordinarla da qualche mese a questa parte, da quando cioé Sami mangia con noi al ristorante senza aver più bisogno di pappe e pappine a base di omogeneizzati e creme di riso.

Ma speriamo presto di convertirlo alla nostra terza #travelrule, ovvero in viaggio non si mangia italiano.

Personalmente ho un debole per la cucina asiatica e ovunque mi trovi cerco sempre di inserire uno o più ristorantini a tema.

Thailandese, cinese, giapponese, vietnamita, non importa. La voglia di cibo orientale si farà prima o poi prepotente (in viaggio come a casa, in realtà), e quando è così, meglio correre al riparo e scovare sul fido Trip Advisor il locale più vicino.

In viaggio però mi piace anche andare alla ricerca di piccoli bar e caffetterie. Una colazione o una merenda rigorosamente seduti con qualcosa di dolce e fumante è una di quelle coccole che cerco di non farmi mai mancare.

Cheeeese!

Ho l’abitudine di portare la macchina fotografica ovunque. Anche per una semplice passeggiata in centro di domenica mattina, figuriamoci in viaggio!

Mi colpiscono i dettagli piuttosto che le grandi inquadrature ed evito di immortalare persone perché mi vergogno a chiedere il permesso per lo scatto temendo spesso un no, magari pure brusco. A parte questo, la macchina fotografica è una compagna preziosa e insostituibile in viaggio per registrare ricordi, immagini, sorrisi.

Calamite e non solo

Ci piace portare con noi un pezzettino del luogo che abbiamo visto.

Le calamite da frigo sono il modo più immediato per riaccendere il ricordo con un solo sguardo, entrando in cucina, anche distrattamente, mentre prepari il caffè al mattino. Sguardo e..tac!, sei in Francia… Spazi ancora un po’e…tac!, eccoti a Stoccolma.

img_20170126_070553684

Se i prezzi e le condizioni lo permettono, oltre ai magnetini ci piace portare con noi qualcosa di tipico.

Può essere qualcosa da mangiare, come ad esempio l’haggis dalla Scozia, il miele di manuka dalla Nuova Zelanda o il biltong da Città del Capo,  o un oggetto per decorare la casa.

Dal Giappone, per esempio, abbiamo portato questa tela che rappresenta una maiko intenta a danzare, o da Mauritius, una di queste statue di legno e latta che sono tanto bravi a costruire artigianalmente, o un acquerello da Boston, comprato da un artista di strada a Beacon Hill.

E voi invece come viaggiate? Avete delle regole personali che vi piace applicare?

Non so se sono già state nominate, ma mi piacerebbe sapere le risposte di Martina del blog Travel and Marvel, di Beatrice del blog Nel Cuore della Scozia e di Margherita di Meridiano307.

Ciao a tutti, al prossimo tag 😉

 

Pubblicato da

Vivo a Roma, sono farmacista e ho 40 anni. Un bimbo, tre gatti e una reflex da cui non mi separo mai. Curiosa come una scimmia, considero il viaggio una necessità. Con la testa sono sempre altrove. Sogno di girare il mondo.

20 pensieri riguardo “#mytravelrules: 5 regole d’oro in viaggio

  1. Vedo che abbiamo tante abitudini in comune. A cominciare dall’organizzazione del viaggio, anch’io come te non potrei mai farlo fare a qualcun altro. Mi sembrerebbe quasi mi rubassero qualcosa! Anch’io ho ordinato per la prima volta la pasta all’estero per il mio bambino che in Canada, a 12 mesi, non poteva mangiare sempre e solo carne!

    Piace a 1 persona

    1. E adesso quanto ha il tuo bimbo? Si è lasciato convertire alla regola “in viaggio non si mangia italiano” oppure no? Grazie per questa idea del tag, Daniela. Mi sono divertita molto 🙂

      "Mi piace"

      1. Adesso 18 mesi. Siamo stati a Vilnius un mese fa e abbiamo ordinato solo cucina locale, ha sempre mangiato tutto per fortuna! In Canada ho voluto io prendergli una pasta ogni tanto (o cucinarla quando avevamo angolo cottura) altrimenti avrebbe mangiato sempre e solo carne! Mi fa piacere ti sia piaciuto il tag, a me diverte molto leggere le opinioni degli altri!

        "Mi piace"

    1. Io parto dal presupposto che ” solo a Napule a sanno fa” e questo mi rammarica e consola contemporaneamente…A volte non riesco a trovare una pizza come si deve a Roma, figuriamoci, che so, in Belgio! Devo fare un blitz a Napoli solo per il cibo…dannazione, che voglia mi hai fatto venire…eheheheh!! Ciao e grazie!!!

      "Mi piace"

  2. Condivido in pieno le vostre TravelRules, soprattutto il fatto di organizzare da sè il viaggio e di non mangiare italiano all’estero, preferendo assaggiare nuovi sapori! Grazie per il tag, risponderò appena possibile 🙂

    "Mi piace"

  3. No ma l’acquerello di Boston è bellissimo e quello E’ un frigorifero da vero viaggiatore! 😉
    In merito alla pasta l’ultima volta mi sono lasciata tentare ma solo perchè l’ho vista al tavolo di fianco…era troppo invitante 😛 e si è rivelata davvero buona!
    Le agenzie secondo me sono un’attività in via di estinzione: già portali tipo Booking, Tripadvisor, i siti delle compagnie ecc ne hanno decretato la fine e come se non bastasse siamo venuti noi blogger a dare la mazzata finale! R.I.P. 😀 😀
    Buona serata Alessia!

    "Mi piace"

    1. Dipende ancora da dove si aprono le agenzie, secondo me…Ho un’amica che ne ha aperta una in un piccolo centro vicino Roma, e fortunatamente per lei, le cose le vanno molto bene… Forse perchè ancora ci sono molti anziani che non sanno o non vogliono imparare l’uso del computer o magari solo gente pigra che vuole affidare il compito della vacanza (non me la sento di chiamarla “viaggio”, a questo punto) a terzi… Mah..Non so come si riesca…
      Sono orgogliosa del mio frigo! E c’è anche tutto il lato che non ho fatto vedere….eheheheheh!
      Buona giornata Dani! Grazie!

      Piace a 1 persona

  4. Abbiamo un sacco di punti in comune, in primis l’organizzazione del viaggio fai da te e la mania di camminare tanto, anch’io sono capace di fare vere e proprie maratone a piedi (ma poi non chiedermi di correre perché muoio dopo 5 secondi :D). Concordo anche sul cibo italiano, a parte rare eccezioni, ma diciamo che posso definirmi “scusata” perché già vivo all’estero, quindi per me la pasta e la pizza sono momenti di grande festa. Della serie: tutte le scuse so bone pe’ magna’ 😀 Buon fine settimana!

    "Mi piace"

  5. Ma quanto sono belle le vostre calamite?! Anche noi le scegliamo accuratamente ad ogni viaggio. La cosa assurda è quando si tratta di un viaggio on the road e ad ogni tappa vuoi comprarne una… in Romania sono riuscita a tenermi comprandole solo in tre città e portando via una mappa su pergamena della Transilvania!
    ahahahah
    Siamo d’accordo come sempre su tutto Ale!
    Un bacione ❤

    Piace a 1 persona

    1. Ah, l’ho vista quella mappa! Favolosa!!
      Per le calamite io cerco sempre di tenermi bassa col numero, tipo una, ma particolarmente bella o significativa, mentre se fosse per Vale ne comprerebbe a manciate, non preoccupandosi dello spazio 😛
      Grazie sempre di cuore ragazzi 😍
      Buon weekend!

      "Mi piace"

  6. Vabbè Ale, te però bari!! Non puoi taggarmi ed anticipare le risposte che avrei dato io..non si fa! ahahahah. Oddio, sai che ho avuto un tuffo al cuore sulla calamita di “cool as a moose” di Bar Harbor? Mi è tornato immediatamente a mente di pomeriggio quando, oltre alla calamita, a casa con me è tornata pure una maglietta.. Il quadro di Boston è semplicemente !! S-T-R-E-P-I-T-O-S-O!! Grazie per il tag..ora studio risposte alternative ehehehe

    "Mi piace"

  7. Lo sapevo che avrei fatto bene a taggarti! Mò ti voglio .. Uahuah! 😂
    Ma che bella la maglietta “Cool as Moose”!! Io non ce l’ho…Sob sob…
    La mia calamita preferita però è quella delle aragoste ammassate nella vasca con il fumetto”Who farted?”
    Eh lo so, sono una persona fine 😂
    Ciao Margherita, buon weekend!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...