I Diari di Lisbona #2: L’Oceanário e il quartiere moderno del Parco delle Nazioni

Sabato brilla un sole estivo e il cielo è di un blu talmente intenso che a confronto un azulejo sembra sbiadito.
Con la metro cambiamo sulla linea rossa fino alla Stazione di Oriente e ci ritroviamo a circa 900 metri dalla nostra meta per questa mattina, l’Oceanário di Lisbona.
Ci è piaciuta moltissimo questa zona per la sua spiccata impronta moderna.
La stazione stessa, ideata dall’architetto Calatrava, con tutta una serie di archi e ponti che collegano tra loro le grandi aree di transito, e tutti quegli edifici dall’aria futuristica che si incontrano lungo il cammino.

DSC_0320DSC_0319DSC_0321DSC_0323
L’Oceanário, uno dei più grandi acquari del mondo, si trova nel bel Parco delle Nazioni sulle rive del Tago, vicino al Museo delle Scienze.

DSC_0325DSC_0326DSC_0327DSC_0328DSC_0329DSC_0331
La mascotte dell’acquario è un piccolo sub dalla faccia simpatica, i grandi occhialoni rossi e la tuta blu. Si chiama Vasco e la sua testa sbuca dall’acqua come una boa che gira su sé stessa a seconda di come tira il vento. Filmati e brochure educative avranno lui come protagonista, una guida divertente per spiegare ai più piccoli concetti come l’inquinamento, la raccolta differenziata, l’ecosostenibilità.

IMG_20171007_150700584

DSC_0336 2La struttura dell’acquario è bellissima e consta di due porzioni collegate tra loro tramite due ponti. La parte delle esibizioni temporanee e permanenti, e l’altra, tutta fatta a squame bianche, dove si trovano l’auditorium, la caffetteria, il merchandising.
Il biglietto costa 15€ per gli adulti, ma con soli tre euro in più è possibile accedere all’Esposizione Temporanea. I bambini fino ai tre anni non pagano.

IMG_20171007_150230134DSC_0334DSC_0338DSC_0340DSC_0344IMG_20171007_143058728

DSC_0463Dimenticatevi gli spettacoli da circo. All’Oceanário di Lisbona troverete tanta diversità nel rispetto del proprio habitat naturale.

La stessa posizione dell’acquario, direttamente sul mare, la fa sembrare come un percorso naturale andando nello stesso tempo a sottolineare il connubio indissolubile con l’oceano e, più in generale, con l’elemento acqua.

DSC_0355DSC_0357DSC_0360DSC_0363DSC_0368DSC_0371DSC_0372DSC_0373DSC_0374 2DSC_0376DSC_0380DSC_0382
Tra pinguini, pulcinelle di mare e anfibi troverete loro, le lontre marine, le vere super star della casa.

Tenerissime, non fanno che pulirsi il musetto con le zampine o sgranocchiare cubetti di ghiaccio. Saremmo rimasti per ore ad osservarle.

DSC_0393DSC_0414 2DSC_0415DSC_0416DSC_0418

DSC_0427

“Quasi quasi mi faccio uno shampoo…”

DSC_0421DSC_0422DSC_0423DSC_0396
L’acquario centrale è il più grande, un cilindro enorme dalla portata esagerata, e tutte le altre vasche girano intorno ad esso, esponendo in tutto la bellezza di ben 8000 specie. Una cosa straordinaria!

IMG-20171022-WA0006DSC_0346DSC_0347DSC_0349DSC_0445DSC_0446IMG-20171022-WA0049IMG-20171022-WA0015

IMG-20171022-WA0016DSC_0430DSC_0441IMG-20171022-WA0045

Dopo un boccone nella luminosa caffetteria, saliamo all’ultimo piano per vedere la mostra temporanea del fotografo giapponese Takashi Amano, che ha dedicato la sua vita alle immagini di foreste acquatiche.

Verrete introdotti in un grande ambiente dalle luci soffuse, musica rilassante e tre vasche alle pareti nelle quali faranno sfoggio della loro bellezza tantissime Caridina Multidentata e Crossocheilus Oblungo. Detto così potrebbe non dirvi niente, ma queste piante e animaletti tipici da acquario sono stati messi a mò di quadro prendendo spunto dalle opere dell’artista.

In mezzo a questa musica e alle spiegazioni esaustive su come stiamo uccidendo il pianeta, impoverendo le foreste per l’estrazione di gomma, lattice e olii per uso alimentare e cosmetico, è facile commuoversi.

A me è capitato. Mi è bastato leggere dell’estrazione indiscriminata del caucciù, constatare come per la prima volta che Sami porta un ciuccio fatto proprio di quel materiale per farmi sentire talmente in colpa da far scendere qualche lacrima.

Sarò diventata una vecchia ciabatta che ormai si commuove per poco, ma questa mostra è stata la vera sorpresa della giornata e consiglio a tutti di andare a vederla.

Concludiamo con un filmato in cui viene intervistato il fotografo nel quale semplicemente invita ad ascoltare la natura perché è lei la nostra insegnante più importante. “Live Simply”. Un insegnamento che dovremmo tutti tenere a mente e di cui solo un giapponese, forse, poteva farsi foriero.

DSC_0451DSC_0452DSC_0453DSC_0454DSC_0455DSC_0456DSC_0457DSC_0459DSC_0460
Uscendo ci attardiamo nel negozio souvenir, gironzoliamo nel cortile esterno la struttura, caratterizzato da una potente fontana-cascata e un riposante giardino zen, quindi ci incamminiamo lungo mare, dove prendiamo la Teleferica.

IMG-20171022-WA0012

IMG_20171007_143008010

IMG-20171022-WA0020IMG_20171007_143604431IMG_20171007_143615186IMG_20171007_143705880Dall’alto si vede tutto, il mare, il Ponte Vasco da Gama, il più lungo d’Europa, l’omonima Torre e il Parco delle Nazioni. Costruito in occasione della Expo del 1998, questo progetto ha visto la rinascita di una zona portuale periferica a quartiere chic, a parer mio bellissimo, moderno e alla moda.

DSC_0467DSC_0476DSC_0481DSC_0483DSC_0484
Noi facciamo i biglietti per andare e tornare, ma volendo ci sono anche quelli di sola andata. I bambini sotto i tre anni non pagano, mentre per gli adulti costano 5€.
Decidiamo di prendere un taxi per spostarci verso il centro. Il nostro accompagnatore ha il volto solcato da rughe profonde, ha più l’aspetto di un contadino, e guida come un pazzo tagliando la strada a un suo collega che alla prima occasione si accosta solo per mandarlo a quel paese secondo l’universale linguaggio dei gesti…

(Continua…)

(Se avete perso la prima parte cliccate qui)