Gite fuori Roma: Nettuno, il borgo sul mare

Nonostante venga spesso considerata una giramondo, dopo la quarantena mi sono scoperta più prudente di quanto mi sarei immaginata, aspettando ben quattro settimane per muovermi dal primo allentamento delle restrizioni governative.

Convinta che quest’anno in modo particolare il turismo italiano debba ripartire da quello di prossimità, promuovendo località di nicchia e i piccoli comuni, la nostra destinazione per una gita fuori porta è stata Nettuno, un borgo sul mare a circa sessanta chilometri da Roma.

Nettuno: un po’ di storia

Nettuno si affaccia sulla costa tirrenica laziale lì dove un tempo sorgeva Antium, antico insediamento portuale fondato dai Volsci. Conquistato dai Romani nel 338 a.C., conobbe anni di sviluppo richiamando molte personalità influenti che ne fecero la loro destinazione di villeggiatura costruendo splendide ville. Si pensa che sulla collina proprio sopra al porto ci fosse un grandioso tempio dedicato al dio Nettuno di cui oggi non vi è traccia, ma che avrebbe contribuito a dare il nome alla cittadina. Con la caduta dell’Impero Romano i barbari presero il controllo del territorio seminando panico e distruzione, mentre nel Medioevo molte famiglie nobili e influenti come i Borghese, i Frangipane, i Colonna, se lo contesero. Il 22 gennaio 1944 Anzio e Nettuno furono teatro della famosa Battaglia di Anzio che permise alle truppe alleate di liberare Roma e di aquisire esperienza per quello che poi sarebbe stato lo Sbarco in Normandia il 6 giugno dello stesso anno. Durante il Fascismo vennero apportate delle modifiche dentro e fuori il centro storico, compresa la stazione elettrificata che collegava Nettuno a Roma.

Nettuno oggi tra vecchio e nuovo

Il centro storico di Nettuno è conservato all’interno di mura fortificate che risalgono al periodo medioevale.

Si trova su una collinetta che dall’alto affaccia su quello che oggi è il porto turistico.

Fuori il centro storico il Santuario delle Grazie e di Santa Maria Goretti quasi divide la cittadina a metà tra parte vecchia e nuova, con il Lungomare Matteotti che sale verso il borgo e i quartieri moderni che si aprono alle sue spalle.

DSC_0089

Le parti nuove della cittadina vennero edificate durante il Novecento, palazzine raffazzonate che dovevano essere costruite in fretta per dare ricovero a più famiglie possibili nel più breve tempo possibile.

Penso ai casolari nel Rione Conca che ospitava i mezzadri venuti dall’Abruzzo, dal Veneto e dalla Campania per coltivare l’uva e raccogliere il grano. Fu proprio in questo quartiere che venne uccisa Maria Goretti (canonizzata in seguito) per difendersi da un tentativo di stupro a soli dieci anni.

Tra le aree più moderne, dagli anni ’60 spicca il Rione Scacciapensieri, simbolo di rinascita e di modernità e che vede nell’omonimo grattacielo il suo segno più caratteristico. Doveva essere un complesso di villette, giardini, un albergo e ambienti ricreazionali, ma per molti è solo un pugno in un occhio su un pezzo di litorale storico.

Grattacielo_di_Scacciapensieri

Immagine presa dal web

Il borgo di Nettuno invece è un silenzioso intrico di vicoli e piazzette sulle quali affacciano locali con dehor per aperitivi, gelati, cene all’aperto a base di pesce.

Il blu del mare fa da sfondo a questi sentieri all’ombra di bouganville che scendono verso il porto o la spiaggia.

Nel centro storico spiccano il palazzo del municipio, appartenuto alla famiglia Barberini, Palazzo Dorjia Pamphili e la Chiesa di San Giovanni Battista, la cui mole si vede anche dal mare.

Dietro la chiesa ci sono le case più vecchie del borgo, tra le quali quella di Paolo Sègneri, gesuita, autore del Quaresimale e collaboratore per l’Accademia della Crusca.

Passeggiando sulla battigia a est rispetto al borgo sorge il Forte Sangallo, voluto da Papa Alessandro VI e da Cesare Borgia a scopo difensivo contro le scorrerie saracene. Fu proprio in questa antica costruzione militare che Mussolini nel 1925 firmò la Convenzione di Nettuno che doveva regolare l’annessione di Fiume all’Italia. Oggi anche grazie alla privilegiata posizione sul mare ospita concerti, eventi e mostre.

Avrei voluto visitare il Sicily-Rome American Cemetery and Memorial, ma le regole imposte dal Covid-19 non lo hanno reso possibile. Si tratta di un memoriale e un cimitero che sorge lì dove è sempre stato il cimitero da campo durante la Battaglia di Anzio e che raccoglie le spoglie di quasi 8000 tra soldati e crocerossine dal 1943 al 1945.

Curiosità su Nettuno

Nettuno viene anche detta “la città del baseball” perchè nel 1945 venne fondata una delle più importanti squadre di baseball italiane, la Nettuno Baseball Club.

Evidentemente con la guerra gli americani hanno portato cioccolato, sigarette… e il baseball!

Nettuno è una buona soluzione per chi vuole fare una gita fuori porta sul mare e a non troppa distanza da Roma.

Quale altro borgo sul mare mi consigliate?

Follow my blog with Bloglovin