Cosa fare e vedere di tipico a Madrid in un weekend

Di Madrid conservo un buonissimo ricordo, nonostante tutto. Quando ci sono stata per un weekend nel lontano 2010 non era un momento di particolare solidità lavorativa per me, anzi. Mi ero appena licenziata dal mio primo impiego e piuttosto che mettermi subito a cercarne un altro ho pensato di lasciare depositare ansie e preoccupazioni prendendo il primo aereo e partire, neanche con Vale, compagno fedele di viaggi,  ma con una (ex) collega.

“Mai lasciare la strada vecchia per la nuova”, recitava il proverbio, eppure nonostante l’esperienza con la fanciulla non sia andata granchè, tutto questo non è riuscito a intaccare il mio ricordo più che positivo della città.

Madrid è modaiola, nottambula, godereccia, orgogliosamente iberica, ma senza chiudersi troppo.

Nella capitale spagnola poi ci sono tutta una serie di cose da vedere e da fare assolutamente 100% made in Madrid facilissime da inserire in un weekend. Ecco quali sono.

Trovarsi in una serra…dentro una stazione ferroviaria!

Dall’aeroporto di Madrid per raggiungere il centro molto probabilmente prenderete un treno che vi fermerà alla Stazione di Atocha, a non molta distanza dal bellissimo Parco del Buen Ritiro. Costruita nel 1852, venne soppressa negli anni’90 e prese il nome di Porta di Atocha. Dopo l’attentato terroristico del 2004 il piazzale dei vecchi binari è stato adibito a serra tropicale in ricordo delle vittime. Vi garantisco che il colpo d’occhio è assolutamente suggestivo.

Fare un viaggio nel Novecento

Al Museo d’Arte Reina Sofia sarete immersi nella storia del Novecento raccontata dalle voci spesso violente e brutali dei protagonisti che questo secolo l’hanno vissuto, sofferto e subíto. Non parlo solo di Guernica, che comunque già da solo vale il viaggio, ma anche di tutte quelle sezioni all’interno del Museo dedicate alla storia e al costume spagnoli. Come i manifesti di propaganda Franchista, ad esempio, che fanno riflettere su come da una forma di governo dittatoriale la Spagna sia riuscita non solo a solleversi, ma anche ad evolversi nella nazione aperta e liberale che conosciamo oggi.Madrid 038

Restare turbati dalle opere di Goya

Ho trovato il Museo del Prado un po’ confusionario nell’esposizione delle opere, ma quello che personalmente mi è rimasto più impresso dopo anni sono i dipinti di Goya o, meglio ancora, gli sguardi dei protagonisti raccontati da Goya.

Soldati, prostitute, divinità o gente semplice, tutti si portano dietro quel carico di drammaticità, follia e seduzione che sono gli unici aspetti a renderli davvero umani, altrimenti sarebbero solo dei demoni (o almeno così li vedo io nelle sue opere più dark…).

Immaginare la Madrid del passato passeggiando per Plaza Mayor

Plaza Mayor è la classica piazza a forma rettangolare porticata che immediatamente fa Spagna (un po’ come Plaça Reial a Barcellona). Anticamente era destinata al mercato, ma i numerosi incendi portarono a cercare una nuova zona per le bancarelle e un nuovo accesso porticato per mettere in sicurezza gli edifici. Ancora oggi sono nove le porte attraverso le quali vi si può accedere e la più famosa, l’Arco des Cuchilleros, è dedicata alla corporazione dei coltellieri che aveva i banchi proprio all’ingresso sud della piazza. Mi piace pensare che tutta la storia di Madrid sia passata da qui, dalle feste popolari, alle corride, dai tribunali della Santa Inquisizione, alle condanne a morte. Madrid 135

Andare a guardare un musical alla Gran Via

Una delle arterie principali di Madrid, trafficatissima, ma con gli edifici più eleganti della città, come il bellissimo palazzo Metropolis. E’ costellata di cinema e teatri, tant’è che viene spesso chiamata la “Broadway di Madrid“. Se tornassi in città non mi dispiacerebbe andare a guardare un musical. Mi aiuterebbe a entrare in contatto con una lingua diversa e, anche se solo per un giorno, a sentirmi più local.Madrid 073

Vamos a tapear! al Mercado de San Miguel

Un mercato coperto da una elegante struttura in ferro battuto fuori e dentro un mare di mercanzia! Questo è il Mercado de San Miguel, centralissimo e meta ideale per un aperitivo a base di tapas di pescado. Costano solo 1 euro l’una, come dire, una tira l’altra.Madrid 212Madrid 213

Fare colazione nella pasticceria più antica della città (e poi shopping a Puerta del Sol) 

La Mallorquina è aperta a Madrid dal 1894. Ha più di 120 anni di storia e un profumo che si riconosce da subito, appena usciti dalla metropolitana. Per la colazione, se non volete mettervi in fila, meglio alzarsi presto. E dopo una bella abbuffata di mantecados sarete pronti per affrontare lo shopping più sfrenato tra i convenienti negozi di Puerta del Sol.

Fotografare il simbolo di Madrid e la storica insegna Tio Pepe

Se vi trovate a Puerta del Sol siete a due passi da due icone storiche di Madrid. La statua dell’orso che mangia i frutti del corbezzolo e l’insegna adorabilmente vintage di Tio Pepe. L’orso è da sempre il simbolo della Spagna al quale venne aggiunta la pianta del corbezzolo dopo che il re si salvò da un’epidemia di peste grazie alle proprietà di questo frutto. Tio Pepe invece è il marchio famoso in tutto il mondo di uno sherry prodotto da Gonzalez Byass dalla fine del 1800 fino ancora ad oggi. La trovo molto caratteristica!

Mangiare i churros

Un must a Madrid che vi proporranno anche a colazione, ma sinceramente li vedo meglio come merenda. Caldi, fritti, pieni di zucchero sopra, sono una bontà inzuppati nel cioccolato caldo. I churros sarebbero parenti stretti degli youtiao, bastoncini di pane fritto che sarebbero arrivati in Europa grazie ai conquistadores portoghesi. Una prelibatezza.

Pranzare al Museo del Jamon

Altro locale storico a Madrid, aperto da più di quarant’anni, nacque come pizzicheria poi introdussero i tavoli per mangiare sul posto. Il bancone propone prosciutti, formaggi e altre leccornie da tutta la Spagna, ma sono buonissimi anche i semplici boquadillos con un buon bicchiere di cerveza. Madrid 059

Avete fatto altre esperienze tipicamente madrilene? Me le raccontate?

Pubblicato da

Vivo a Roma, sono farmacista e ho 40 anni. Un bimbo, tre gatti e una reflex da cui non mi separo mai. Curiosa come una scimmia, considero il viaggio una necessità. Con la testa sono sempre altrove. Sogno di girare il mondo.

14 pensieri riguardo “Cosa fare e vedere di tipico a Madrid in un weekend

  1. Direi che ci sono parecchi ingredienti giusti per godersi un bel weekend di sole, bei panorami, buon cibo ed allegria! Se poi la compagnia è quella giusta…meglio ancora! 😉
    Passeggiare per Plaza Mayor con qualche churros caldo in mano…Non mi dispiacerebbe affatto!

    "Mi piace"

  2. Purtroppo mai vista Madrid, ma quella serra dell’ex stazione fa molto ambientazione steampunk, è meravigliosa… al di la del significato e del tributo alle vittime dell’attentato! I churros li conosco bene, ne mangerei a secchiate ma i loro parenti stretti no, devono essere golosissimi (come qualunque cosa fritta del resto) 😛 E del Jambon è inutile parlarne… Vamos a tapear è bellissima, sembra il titolo di un tormentone estivo! 😀 Ci vorrebbero più spesso queste fughe “fanciullesche” Alessia! Vedi che poi si ricordano con piacere? E l’orso iberico, occorre che io mi vada a fare una foto insieme al mio animale guida! Se non sbaglio è anche il simbolo di Berlino giusto? 😉

    "Mi piace"

    1. Ahahahah! Dici che potrei fare concorrenza a Baby K?😂
      La verità è che sto dando una rimodernata al blog e togliendo la parte dei diari, un tipo di narrazione che non riesco più a portare avanti con costanza, rischio di cancellare mete e viaggi che comunque per me sono stati importanti. Ecco perché questi “revival” 😉 L’orso spagnolo è proprio nella bandiera, quello di Berlino credo sia più una specie di mascotte turistica… Entrambi aspiettan’te😘

      Piace a 1 persona

  3. Che meraviglia che è Madrid! Leggere questo tuo post mi ha fatto rivivere tutte le belle esperienze che ho fatto nella capitale spagnola. Ci sono stata già un bel po’ di volte – nella primavera del 2018 ci ho persino vissuto un paio di mesi; mi trovavo lì per svolgere un tirocinio post lauream in un liceo italo-spagnolo. Quanti panini ho mangiato al museo del jamón e che bontà le tapas del Mercado de San Miguel. Meraviglioso poi il Prado, dove sarò stata non so quante volte, e che spettacolo il giardino di Atocha e il Parco del Retiro. Spero tanto di riuscire a tornarci a breve, Madrid mi manca troppo!

    "Mi piace"

  4. Ho sempre letto di opinioni contrastanti su Madrid, sopratutto quando si contrappone con Barcellona. Io ho visto solo quest’ultima ma mi piacerebbe proprio visitare anche Madrid e farmi un’opinione tutta mia.

    "Mi piace"

    1. Sono molto diverse come città, non so come si possano paragonare… Hai ragione però, penso che l’idea migliore sia partire e farsi una propria opinione… Anch’io di solito faccio così 😉

      "Mi piace"

    1. Una bella idea, hanno riqualificato una zona altrimenti abbandonata inserendo il verde (che non fa mai male) e in più in memoria delle vittime… Beh, geniale secondo me😉 Madrid è tanta roba ❤️

      "Mi piace"

  5. A Madrid non ci sono mai stata due giorni di fila!! Incredibile se ci penso!!! Ci sono stata così tante volte e con persone differenti e per motivi differenti che confondo i ricordi! Una cosa è certa, devo tornare a vedere il Museo del Prado.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...