Saturnia 2008: terme e un assaggio di Maremma

Ponte di Ognissanti organizzato in tempi record… la voglia di staccare è davvero tanta! Non siamo mai stati alla terme prima d’ora, così per l’organizzazione ci affidiamo a Cesare, uno degli amici che partirà con noi, pratico di soggiorni simili. Troviamo due camere libere in un b/b di Poggio Murella comprensive di prima colazione. Si chiama Il Cantuccio. Da fuori non sembra un granché, ma è pulito e la nostra stanza è grande, con un bel caminetto di peperino. L’alloggio è convenzionato con le terme: 15% di sconto per i biglietti e in più agevolazioni per un ristorante giù in paese, Il Cantuccio Di Anastasia.

Ponte di Ognissanti a Saturnia 003

Arrivati nel primo pomeriggio, sistemiamo le borse e andiamo alle terme. Il Parco Termale di Saturnia è un elegante complesso comprensivo di quattro piscine termali esterne, un percorso kneip e idromassaggio, il tutto circondato da ampi campi da golf. Il tempo non promette niente di buono.. il cielo è una coltre grigia e comincia a fare freddo… ma quando, finalmente, comincia a piovere è ancora più godurioso starsene a mollo a 38 gradi, mentre dal tetto aperto su di noi, come una specie di pantheon esagonale, scendono goccioloni di pioggia. Restiamo per due ore abbondanti a rilassarci tra bagni e lettini poi, dopo le docce, passiamo in albergo per lasciare asciugare i nostri costumi e accappatoi, inevitabilmente maleodoranti. Per cena scendiamo in paese e andiamo al ristorante convenzionato. Cena semplice a base di piatti locali, una serata piacevole che si conclude con una buona dormita.  

La pioggia, la mattina seguente, mi mette un pò di cattivo umore, ma poi una gustosa colazione in compagnia a base di torte fatte in casa mi ha addolcita.

Ponte di Ognissanti a Saturnia 008 Ponte di Ognissanti a Saturnia 010

Con i ragazzi decidiamo di visitare i paesi circostanti, ma prima passiamo alle Cascate del Mulino, le terme gratuite di Saturnia, già gremite di bagnanti dalla mattina presto. Il colpo d’occhio sulle “cascatelle”, così le chiamano i locali, è suggestivo, nonostante il tempaccio.

Ponte di Ognissanti a Saturnia 011

Partiamo, quindi, alla volta di Montemerano, delizioso borghetto medievale a pochi chilometri da qui.

Ponte di Ognissanti a Saturnia 021

Ponte di Ognissanti a Saturnia 022 Ponte di Ognissanti a Saturnia 023 Ponte di Ognissanti a Saturnia 024 Ponte di Ognissanti a Saturnia 026

Tempo di fare qualche foto e siamo già a Manciano. Viene chiamata la “Sentinella della Toscana” perché sembra che nelle chiare e limpide giornate estive, dalla cima della collina, si riesca a scorgere la Corsica. Peccato che con questo acquazzone si veda ben poco… Visitiamo il centro storico, fatto di monumenti e antiche strutture, come le Mura di Cinta, con le torri d’avvistamento, e la Rocca Aldobrandesca, simbolo del paese, costruita intorno al XII secolo.

Ponte di Ognissanti a Saturnia 027 Ponte di Ognissanti a Saturnia 030

Ponte di Ognissanti a Saturnia 040

 Tornati in macchina proseguiamo per Pitigliano.  E’ un gioiello. Spesso definita la “Piccola Gerusalemme” della Maremma per la presenza di una comunità ebraica che, storicamente,  aveva qui la propria sinagoga.  Ci perdiamo nelle viscere della cittadina e, tra un negozietto di artigianato e l’altro, accompagnati da un delizioso odore di legna, ci rimettiamo in cammino verso casa.  Ponte di Ognissanti a Saturnia 035 Ponte di Ognissanti a Saturnia 034